A Oria la festa di San Giovanni Bosco

Ospite della XXVII edizione, in programma il prossimo 31 marzo, sarà il Procuratore Nicola Gratteri

gratteri

C’è grande fermento tra i volontari del S.I.N.G., l’organizzazione oritana di volontariato attiva dal 1990, per l’organizzazione della Festa di San Giovanni Bosco, giunta quest’anno alla sua XXVII edizione, che mercoledì 31 gennaio vedrà quale primo ospite della serata il Procuratore Nicola Gratteri
“E’ una gioia immensa”, fanno sapere i membri dell’ente del terzo settore oritano, “ospitare il dott. Grattieri, per noi tutti è un grande onore. Continuiamo, nella Festa del nostro Padre Don Bosco, a seminare tra i giovani nel solco della legalità”.

Nicola Gratteri nasce a Gerace (Reggio Calabria), nella Locride, terzo di cinque figli. Dopo aver conseguito la maturità scientifica si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza all’Università di Catania. Si laurea in quattro anni e due anni dopo entra in magistratura. Nel 2009 è nominato
procuratore aggiunto della Repubblica presso il tribunale di Reggio Calabria. Il 18 giugno 2013 il Presidente del Consiglio dei ministri Enrico Letta nomina Gratteri componente del corpo di esperti per l’elaborazione di proposte in tema di lotta alla criminalità organizzata.

Gratteri è un convinto sostenitore dell’importanza dell’educazione dei giovani come strumento di prevenzione nella lotta alle organizzazioni criminali e tiene regolarmente conferenze a tale scopo nelle scuole e nelle università, in Italia e all’estero, per
incontrare i giovani e spiegare loro il perché “non conviene” essere “ndranghetisti”. Nel novembre 2011 ha pubblicato un libro, assieme al giornalista Nicaso, intitolato La mafia fa schifo, dove sono raccolti  pensieri e lettere di ragazzi sul tema delle mafie. Il 13 settembre scorso è stato eletto Procuratore della Repubblica del Tribunale di Napoli.

“Al dott. Gratteri”, dicono gli organizzatori, “sarà assegnato il Premio Nazionale “Donato Carbone Vittima di Mafia“, il premio che dal 2002 è dedicto alla memoria di un
giovane oritano ucciso durante una rapina, ed è assegnato a personaggi e organizzazioni operanti nell’educazione, l’animazione, e la salvezza fisica e morale dei bambini, ragazzi e giovani, a chi è impegnato nella  diffusione di tematiche legate all’antimafia ed alla Pace.

In diverse occasioni, il Premio ha ricevuto anche la medaglia celebrativa del Presidente
della Repubblica Italiana e del Presidente del Senato della Repubblica, oltre al quello della Presidenza del  Consiglio dei Ministri, della Presidenza della Regione Puglia, della  Presidenza della Provincia di Brindisi, del Comune di Oria e del Movimento per l’Infanzia.

L’appuntamento è per il prossimo 31 gennaio alle  ore 16,30 presso il teatro della Chiesa”San Barsanofio” di Oria. La serata sarà presentata da Vincenzo Sparviero, direttore  coordinatore della redazione di TeleRama.

PUBBLICITA'