Al castello Imperiali di Francavilla Fontana si parla di obesità

Saranno affrontate le tematiche di maggiore attualità medico-scientifica relative alle complicanze dell'obesità in ambito internistico, endocrinologico, pneumologico, cardiologico e renale

Castello IMperiali Francavilla Fontana 168496 367834696614568 2097309300 n

“La sindrome dell’obesità nella gestione multispecialistica: il peso delle comorbilità”.

E’ questo il titolo del congresso scientifico organizzato e presieduto da Giovanni Mileti, direttore della Medicina interna dell’ospedale “Dario Camberlingo” di Francavilla Fontana.

Nella due giorni in programma domani e sabato (13 e 14 ottobre) al castello Imperiali di Francavilla Fontana dove saranno affrontate le tematiche di maggiore attualità medico-scientifica relative alle complicanze dell’obesità in ambito internistico, endocrinologico, pneumologico, cardiologico e renale.

“Il congresso”, spiega Mileti, 2è aperto ai medici specialisti ma anche al personale infermieristico, con l’obiettivo di creare un team di professionisti che sia in grado di gestire una patologia altamente debilitante e responsabile di frequenti ricoveri, con un importante aggravio per la spesa pubblica”.

Molti saranno i relatori presenti, così come le scuole universitarie che daranno il loro contributo scientifico.

Dopo i saluti del direttore generale della Asl, Maurizio De Nuccio, e di Francesco Giorgino, direttore della cattedra di Endocrinologia del Policlinico di Bari, interverranno nomi illustri della Medicina come Annalisa Natalicchio e Luigi Laviola dell’Università degli Studi di Bari, Luigi Vernaglione, direttore della Nefrologia della Asl di Brindisi, Pierantonio Laveneziana, professore ordinario di Fisiologia alla Sorbona di Parigi, Marcello Spampinato, direttore della Chirurgia del Vito Fazzi di Lecce, Mauro Mastronardi, direttore della Gastroenterologia dell’ospedale di Castellana Grotte con la sua équipe, e tutti gli specialisti del reparto di Medicina del Camberlingo.

Leggi anche:  Medicina interna, specialisti a confronto a Ceglie Messapica

“È motivo di vanto e orgoglio per tutti noi”, conclude Mileti, ”avere professionalità così avanzate in campo medico e scientifico per affrontare temi che riguardano molti pazienti che risiedono nel nostro territorio”.

PUBBLICITA'