Al via stasera la terza edizione di “Appia in Tabula”

Appuntamento a Muro Tenente con Sara Bevilacqua e il suo spettacolo “Revolution”, un viaggio negli anni Sessanta scandito dalle musiche dei Beatles

Sara Bevilacqua 356260242 986276429027404 5274010387099638282 n

Prende il via stasera (venerdì 30 giugno) alle 21,30 a Muro Tenente la terza edizione di “Appia in Tabula”, il programma culturale di storia, arte e spettacolo che da il là ad un intenso programma estivo che porterà tutti indietro nel tempo, ai favolosi Anni 60.

Alle 19.00 la serata verrà aperta dall’architetto Francesco Bandarin, già direttore del prestigioso Centro del Patrimonio mondiale dell’Unesco, che interverrà sul tema “Muro Tenente, Via Appia e Unesco Patrimonio Mondiale”.

Dalle 21,30 andrà invece in scena lo spettacolo “Revolution” con Sara Bevilacqua, un viaggio negli anni Sessanta scandito dalle musiche dei Beatles.

“All’inizio degli anni ’60, i Beatles suonavano al Cavern Club di Liverpool e Yuri Gagarin diventava il primo uomo in orbita attorno alla Terra. La protagonista di Revolution sogna di volare nello spazio e di incontrare i Fab Four, ma ha un piccolo problema: vive a Brindisi, vale a dire che è lontana 326 km dall’orbita di Gagarin e circa 3mila da Liverpool. Per di più a Brindisi, cittadina immobile nel ripetersi dei suoi riti quotidiani, sembra che gli anni ’60 non vogliano proprio arrivare. E invece arrivano. In una forma un po’ diversa da come la ragazza si sarebbe augurata, ma arrivano: nel ’62 viene completato il primo lotto della Montecatini e le cose all’improvviso cambiano anche là dove sembravano immutabili. Revolution racconta i dieci anni che hanno sconvolto la storia, fino alla notte in cui Tito Stagno raccontò dai microfoni della Rai lo sbarco del primo uomo sulla Luna.

E la ragazza innamorata dei Beatles? Dov’era mentre Armstrong imprimeva la sua famosa impronta? Anche lei davanti alla Tv, oppure, come suggeriscono i Beatles in un’altra famosa canzone, Across the universe? Le musiche dei Quattro di Liverpool, riarrangiate per pianoforte e voce, eseguite dal vivo, segnano il passo di questo spaccato degli anni Sessanta”.

Leggi anche:  Muro Tenente. Parte di una strada glareata messa in luce durante attività di archeologia preventiva

APPIA IN TABULA”

E’ un progetto di sviluppo sostenibile ideato e condotto dalla Coop. Impact Archeologia che, partendo dal Parco dei Messapi di Muro Tenente, interessa le comunità di Mesagne e Latiano e di tutta la Piana Brindisina. Protagonista del progetto è la via Appia Antica, la Regina Viarum, che nel suo tratto terminale attraversa la Campagna Brindisina, un bassopiano irriguo che agli occhi dell’osservatore si presenta piatto, come una tabula. Prendendo spunto da questi due elementi, la Via Appia Antica e la morfologia dell’entroterra brindisino, il nostro progetto mira a coniugare due attività apparentemente molto diverse tra loro, l’archeologia e l’agricoltura, proponendosi di contribuire al processo di ri-costruzione del capitale sociale del nostro territorio, ripartendo da un insostituibile elemento comune: la terra.

“Rifacendoci ad una concezione dello sviluppo che tiene conto di quanto emerso dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell’ONU, intendiamo trasformare Muro Tenente in un Parco Archeologico Multifunzionale, dove i costi delle attività di ricerca e di valorizzazione sono sostenuti anche dalla produzione agricola nel rispetto del Codice dei Beni Culturali e della biodiversità del suolo. Muro Tenente dispone infatti di ben 30 ettari di terreni, occupati solo in minima parte dai punti di interesse e dalle aree a servizio del parco, per questo motivo riteniamo che ci siano tutte le condizioni per contribuire allo sviluppo di un piano di gestione innovativo capace di coinvolgere i giovani, le scuole, gli enti locali, le imprese e le comunità”.

PUBBLICITA'