Assistenza ai cittadini georgiani, il Console generale ringrazia la Asl di Brindisi

Il Console generale Vakhtang Andguladze ha ricevuto il direttore generale della Asl, Maurizio De Nuccio, e il medico Raffaele Quarta, in servizio nel reparto di Medicina interna dell'ospedale Perrino

foto consolato 1

 Un incontro “all’insegna della collaborazione tra istituzioni e dell’amicizia tra il popolo georgiano e quello italiano” si è tenuto ieri -lunedì 29 gennaio- a Bari nella sede del Consolato generale di Georgia, attivo dal 2020.

Il Console generale Vakhtang Andguladze ha ricevuto il direttore generale della Asl, Maurizio De Nuccio, e il medico Raffaele Quarta, in servizio nel reparto di Medicina interna dell’ospedale Perrino.

foto consolato 2

Nel corso dell’appuntamento istituzionale il Console ha donato due targhe al direttore e al dottor Quarta, che hanno ricambiato con una fotografia del porto di Brindisi.

“Ho voluto ringraziare la Asl”, ha detto il Console generale Andguladze, “per le cure professionali ed efficienti prestate ai cittadini georgiani che vivono a Brindisi. In particolare ringrazio il dottor Quarta per il suo impegno durante l’assistenza ricevuta da un giovane paziente georgiano nell’ospedale Perrino. A Brindisi e provincia – ha proseguito – vivono 500 persone originarie della Georgia. In Puglia, invece, sono 8mila, che diventano 20mila se aggiungiamo Basilicata, Calabria e Sicilia che sono i territori di riferimento di questo Consolato. La comunità georgiana, come è noto, è formata soprattutto da donne che lavorano nel settore dell’assistenza e sono integrate molto bene. Abbiamo poi una seconda generazione, composta da tanti giovani che sono arrivati in Italia grazie al ricongiungimento familiare”.

Leggi anche:  Stabilizzazione del personale precario: firma del contratto a tempo indeterminato per 67 lavoratori

foto consolato 3

De Nuccio ha ringraziato il Console generale da parte di tutto il personale sanitario e tecnico e ha sottolineato la “grande e profonda commozione nel ricevere una pregevole targa che rimarca la prospettiva altamente professionale della Asl Brindisi, legata alla territorialità, ma sempre aperta alla internazionalità. Si tratta – ha detto – di un incoraggiamento a impegnarci sempre più in favore dei cittadini. Molti traguardi si possono raggiungere soltanto con la stretta collaborazione tra istituzioni”.

PUBBLICITA'