Atti osceni davanti a un gruppo di minorenni: identificato e denunciato un uomo di Latiano

L'episodio si è verificato lo scorso mese di aprile nei pressi della villa comunale di Mesagne

comm mesagne

Nudo dalla cintola in giù, aveva cercato di farsi notare da alcuni minorenni proprio nel momento in cui compiva atti osceni nella sua auto.

L’episodio si è verificato lo scorso aprile, nei pressi della Villa comunale e del Centro Storico di Mesagne.

Il presunto responsabile, un uomo di Latiano, è stato identificato e denunciato a piede libero per atti osceni in luogo pubblico grazie alle indagini svolte dal locale commissariato di polizia.

Nei confronti dello stesso individuo, il Questore di Brindisi, Annino Gargano ha emesso un avviso orale in quanto riconosciuto come soggetto pericoloso per la sicurezza pubblica.

Un altro avviso orale è stato emesso -sempre dallo stesso Questore – anche a carico di un’altra persona residente a Latiano che si è resa responsabile di vari reati, tra cui quello contro la persona e contro il patrimonio.

E’ di Mesagne, invece, il destinatario di un provvedimento di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno, emesso dal tribunale di Lecce su proposta del questore Gargano.

La persona colpita dal provvedimento è gravato da numerosi precedenti di polizia e condanne penali.

“L’uomo, quale persona pericolosa che vive abitualmente con i proventi di attività delittuose e dedito alla commissione di reati che pongono in pericolo la sicurezza e la tranquillità pubblica”, si legge nella nota stampa diramata dalla Questura, “era già stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina”.

Leggi anche:  Operazione da parte i Carabinieri della Compagnia di Castellaneta, con l’ausilio dei militari del Comando Provinciale di Taranto e del Nucleo Cinofili Carabinieri di Modugno

Il provvedimento è scaturito dall’attività istruttoria svolta dal personale del Commissariato di P.S. di Mesagne coordinata dalla Divisione Anticrimine della Questura di Brindisi che ne ha curato i necessari approfondimenti, grazie ai quali l’Autorità Giudiziaria, sposando appieno gli elementi raccolti, ha emesso la misura di Prevenzione della Sorveglianza Speciale con obbligo di dimora per la durata di anni due.

Aggiornato alle ore 14:33

PUBBLICITA'