“Chi semina raccoglie”. L’accoglienza extralberghiera in Puglia tra consapevolezza e coscienza

Appuntamento a Bari il 29 gennaio, alle ore 9,00, nelle sale dell'Assessorato al Turismo in Fiera del Levante (Padiglione 152 sala 2)

locandina AEP

Si terrà a Bari il prossimo 29 gennaio, alle ore 9,00,nelle sale dell’Assessorato al Turismo in Fiera del Levante (Padiglione 152 sala 2), il convegno “Chi semina raccoglie, l’accoglienza extralberghiera in Puglia tra consapevolezza e coscienza“, promosso da Aep-Associazioni extralberghiere di Puglia.

All’evento parteciperanno: l’assessore regionale al Turismo Gianfranco Lopane, il presidente di Aeroporti di Puglia Antonio Maria Vasile, il presidente Anci Antonio Decaro, la responsabile Innovazione e transizione al digitale di Aret Pugliapromozione Bianca Bronzino, l’assessora alla Cultura e Turismo del Comune di Bari Ines Pierucci, la presidente di Fare-Federazione nazionale associazioni ricettività extralberghiera, Delia Di Maio, la presidente di Aep, Cinzia CapozzaPierfelice Rosato, docente del Dipartimento di Economia e Finanza dell’Università degli Studi di Bari ed esperto in marketing turistico, Fabrizio Santorsola, presidente regionale della Fiba-Federazione imprese balneari.

Durante i lavori saranno mostrati i risultati e gli obiettivi raggiunti attraverso il gioco di squadra dagli operatori del comparto e si illustreranno, in sintesi, le aspettative degli ospiti sempre meno interessati ai luoghi comuni che riguardano un territorio e più propensi a scoprire l’autenticità delle regioni e la loro narrazione.

“Aep nasce nel 2020 per dar voce agli operatori dell’accoglienza extralberghiera indipendenti, riuniti in rete in nome dell’eccellenza”, ha spiegato la presidente Cinzia Capozza.

“In 3 anni, nonostante pandemia e avversità di ogni genere, il territorio stesso e le istituzioni hanno riconosciuto e restituito ad Aep una rappresentatività inconfondibile: la partecipazione alla stesura del nuovo quadro normativo regionale; un interscambio costante che ha segnato un passo vincente nella collaborazione pubblico/privato. Questa giornata vuole osare distinguersi da ogni incontro già avvenuto perché è giunta l’ora di concretezza e lealtà”

“Il 2023”, ha poi concluso, “è stato un anno prevedibile eppure sorprendente. Un 2023 rimasto appeso al bisogno di governance, di equilibrio e di saggezza per un bene comune spaccato da egoismi e localismi. Apriamo invece il 2024 lanciando una sfida, perché, in fondo, nessuno ha voluto ancora mettersi davvero nei panni dell’ospite turista, ad oggi, l’unico e il vero portatore di benessere al territorio e agli operatori”.

Leggi anche:  Grande partecipazione alla sfilata dei carri allegorici

“In questi anni”, ha invece dichiarato la presidente di Fare Delia Di Maio“, abbiamo consolidato il ruolo del comparto dell’extralberghiero in regioni dove non c’era alcun colloquio con la categoria che rappresentiamo. Nel 2023 Fare ha partecipato a numerosi eventi sul turismo in Europa e in Italia. Ma cosa più importante, a soli due anni dalla costituzione della Federazione, siamo stati invitati a Roma al tavolo di confronto ministeriale per ben due volte e a quelli istituzionali locali. Un anno, quello trascorso, positivo da questo punto di vista”.

“Per il 2024”, ha proseguito, “speriamo continui il dialogo con il Mitur perché gli argomenti da trattare sono tantissimi. Si deve innanzitutto lavorare per l’armonizzazione delle differenti normative regionali relative al settore extralberghiero per non creare confusione nei turisti e differenza di servizi offerti. Auspichiamo che il prossimo anno venga data concretezza all’introduzione del Cin, il codice identificativo nazionale, che dovranno avere le unità immobiliari a uso abitativo destinate a contratti di locazione per finalità turistiche, le strutture ricettive alberghiere ed extra alberghiere, e che venga rispettata la norma che vuole che all’interno degli immobili a uso turistico vengano introdotti i dispositivi di sicurezza per la rilevazione di gas combustibili, del monossido di carbonio e di estintori”.

L’evento gode del patrocinio gratuito della Regione Puglia, di Aeroporti di Puglia, di Aret Pugliapromozione e del Comune di Bari.

PUBBLICITA'