Evento formativo sulla funzione della Pet Therapy nella cura delle disabilità

Appuntamento il prossimo 7 febbraio nell’aula magna del Polo universitario Vittorio Valerio, in piazza Di Summa a Brindisi.

421225817 777108274463751 5429838308696643853 n
Focus on “interventi assistiti con animali” (pet therapy) al servizio di persone con disabilità: è il titolo dell’evento in programma il 7 febbraio, a partire dalle ore 15,00 nell’aula magna del Polo universitario Vittorio Valerio, in piazza Di Summa a Brindisi.
Responsabile scientifico dell’evento è Stefano Termite, direttore del Dipartimento di prevenzione. L’obiettivo dell’incontro è quello di descrivere il quadro normativo di riferimento nazionale e regionale e gli ambiti di applicazione fornendo informazioni sui diversi interventi assistiti di carattere terapeutico già realizzati e in atto in Puglia.
L’evento formativo, dedicato ad Aron, il cane bruciato vivo a Palermo, prevede 4 crediti Ecm, ed è rivolto a medici, psicologi e psicoterapeuti, veterinari, tecnici di riabilitazione psichiatrica, infermieri, tecnici della prevenzione, assistenti sanitari, fisioterapisti, terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, per un numero massino di 100 partecipanti, 70 interni e 30 esterni.
Interverranno il direttore generale della Asl Maurizio De Nuccio, il direttore sanitario Vincenzo Gigantelli, il direttore amministrativo Loredana Carulli e il presidente della sezione di Brindisi dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (Uici), Michele Sardano.
Tra i relatori, Antonio Giampietro, garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Puglia, Elisabetta Franco, responsabile Commissione regionale cani guida Uici, Antonio Trabacca, direttore Unità per le disabilità gravi dell’Irccs Medea, Teodoro Semeraro, educatore cinofilo, responsabile del Centro Vir Labor, Chiara Rutigliano, psicologa psicoterapeuta esperta in interventi assistiti con animali, Rosa Maria Daniele, medico dell’Unità operativa di Oncoematologia pediatrica del Policlinico di Bari.
“Gli interventi assistiti con gli animali hanno una importante valenza terapeutica, riabilitativa, oltre che educativa e ludico-ricreativa, in quanto sono trattamenti di carattere sanitario in grado di attivare risposte emotive, percettive e sensoriali uniche nei pazienti. La presenza dell’animale, infatti, può esercitare la sensorialità, stimolare l’attenzione e le funzioni cognitive, migliorare le abilità motorie, controllare l’ansia, potenziare la memoria, incoraggiare la socializzazione, far acquisire senso di responsabilità e migliorare l’autostima”.
In base alle linee guida nazionali rientrano negli IAA: le terapie assistite con gli animali, finalizzate alla cura di disturbi della sfera fisica, neuro e psicomotoria, cognitiva, emotiva e relazionale; l’educazione assistita con animali, che mira a promuovere, attivare e sostenere le risorse e le potenzialità di crescita, relazione e inserimento sociale delle persone in difficoltà; le attività assistite con gli animali, che puntano al miglioramento della qualità della vita e della corretta interazione uomo-animale.
L’evento è
Leggi anche:  Asl Brindisi, il nuovo direttore generale Maurizio De Nuccio si è insediato ufficialmente
PUBBLICITA'