I Carabinieri Nas di Taranto sospende in un mese oltre dieci attività tra depositi e stabilimenti vinicoli nelle province di Taranto e Brindisi

Individuarti cinque stabilimenti vinicoli, tre nella Provincia di Brindisi e due nella Provincia di Taranto e sei depositi di vini e bevande che svolgevano la propria attività in locali interessati da gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali

Carabinieri taranto foto1

Nell’ambito dei controlli sulla filiera degli alcolici e del vino, i Carabinieri del N.A.S. di Taranto hanno intensificato le ispezioni nel settore di produzione e commercializzazione dei vini nelle province di Taranto e Brindisi per tutto il mese di settembre coincidente con il periodo stagionale di raccolta della materia prima e dell’avvio della fase produttiva del vino.

E proprio questi controlli, alcuni dei quali effettuati con la collaborazione tecnica dell’Ispettorato Centrale per la Qualità e Repressione delle Frodi di Lecce e del personale dei Dipartimenti di Prevenzione – S.LA.N. – delle A.S.L. di Taranto e Brindisi, hanno consentito di individuare cinque stabilimenti vinicoli, tre nella Provincia di Brindisi e due nella Provincia di Taranto e sei depositi di vini e bevande che svolgevano la propria attività in locali interessati da gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali, per le quali è stato disposto dalle Autorità Competenti l’immediata chiusura delle attività, fino al rispristino delle condizioni minime d’igiene.

Le irregolarità più frequenti hanno riguardato soprattutto lo svolgimento delle operazioni di produzione e stoccaggio dei vini all’interno dei locali, le carenti condizioni di pulizia e manutenzione degli ambienti e delle attrezzature nonché lo stoccaggio dei M.O.C.A. (di fatto tutti i materiali e gli oggetti destinati ad entrare in contatto con gli alimenti) in aree aperte e prive dei requisiti minimi d’igiene e l’utilizzo dei locali in mancanza delle necessarie autorizzazioni.

Leggi anche:  Protezione civile Regione Puglia: allerta meteo per il giorno 20 gennaio 2024

Le verifiche hanno determinato la contestazione di violazioni di natura amministrativa per diverse migliaia di euro.

 

PUBBLICITA'