Il Circolo territoriale Fratelli d’Italia Mesagne ha incontrato il dirigente nazionale prof.Ugo Falcone

Mesagnese residente in Friuli, il Prof. Ugo Falcone è componente dell’Assemblea nazionale e del Direttivo provinciale friulano e già segretario politico della città di Udine

foto incontro prof Falcone

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa da parte del coordinamento cittadino di Fatelli d‘Italia Mesagne

“Nella serata di ieri (martedì 9 luglio 2024, ndr) il Circolo territoriale Fratelli dItalia Mesagne ha incontrato il professor Ugo Falcone, mesagnese residente in Friuli, componente dell’Assemblea nazionale e del Direttivo provinciale friulano e già segretario politico della città di Udine.

Durante lincontro, aperto dal segretario sezionale Gianfranco Alibrando, si è discusso a lungo delle ultime consultazioni elettorali, sia a livello di europee che delle comunali, affrontando gli aspetti positivi e negativi legati ai risultati ottenuti.

«Risultati che in linea di percentuali non sono stati molto lontani dagli altri comuni pugliesi dove il Centro-Destra ha vinto – ha dichiarato il professor Falcone – pertanto ritengo che la corsa in solitaria di FDI Mesagne contro la corazzata Matarrelli sia da guardare con molto rispetto e attenzione, nonostante la delusione per non aver raggiunto il quorum che avrebbe consentito di eleggere un paio di consiglieri comunali nei banchi dell’opposizione; però ritengo doveroso capire con i vertici provinciali e regionali di FDI le motivazioni per cui a Mesagne non ci sia stato nessun accenno di convergenza con gli alleati di Forza Italia e Lega che comunque alle europee hanno fatto registrare la loro rispettabile presenza; alle comunali che fine hanno fatto questi partiti alleati.

UGO FALCONE

Inoltre, dal costruttivo confronto dal prof. Falcone è scaturita la volontà di non disperdere il nuovo gruppo di giovani patrioti che si è venuto a costituire durante la campagna elettorale intorno al candidato sindaco, il dott. Vincenzo Lotesoriere, base fondamentale per accrescere le attività politiche nel prossimo futuro, soprattutto perché nel 2025 ci sarà la corsa elettorale delle regionali. Difatti, a breve verranno organizzati ulteriori incontri per strutturare al meglio la presenza locale del partito ed aprire alla società civile la partecipazione a nuove iniziative di ambito socio-culturale e con proposte specifiche per rilanciare il settore agricolo e delle attività imprenditoriali locali”.

PUBBLICITA'