Il Mesagne perde contro il Manduria, ma esce a testa alta dal campo

La formazione gialloblù gioca una partita a viso aperto contro una delle corazzate del campionato di Eccellenza.

mesagne manduria 2

MESAGNE-MANDURIA 1-3

Mesagne: Carriero, Orfano (40’st Di Pietrangelo C.), Giancola, Cerrato, Del Frari, Munoz, Sacco (46’st Halm), Tatullo (20’st Di Dio), Niare, Nanitelamio, Miccoli (23’st D’Ippolito).      A disposizione: Di Pietrangelo Cl., Ancora, De Robertis, Di Noi, Palazzo. All.: Germano.

Manduria: Maraglino, Cicerello, Rapio, Bocchino, Dorini, Ristovski (32’st Ungredda), Castro, Maroto (38’st Salvemini), Plecic (44’st Nestola), Quarta (26’st Lorusso), Salatino.   A disp.: Coletta, Salvadore, Zecca, Ancora, Marsili. All.: Salvadore A..

Arbitro: Lucanie di Molfetta.

Marcatori: 14’pt Castro (rig.), 3’st Niare, 20’st Quarta, 50’st Salvemini.

NOTE – Ammoniti: Giancola, Rapio, Castro, Nestola.

E’ una sconfitta che brucia e che lascia (non poco) l’amaro in bocca.

Il Mesagne esce a testa alta dalla sfida (quasi impossibile) con una delle corazzate del campionato, giocando la partita a viso aperto e senza alcun timore reverenziale.

Alla fine però il risultato premia il Manduria, ma penalizza oltre modo i padroni di casa.

Gli ospiti partono subito forte trovando immediatamente il vantaggio (minuto 14) grazie ad un penalty trasformato da Castro.

I biancoverdi ospiti provano a pigiare sull’acceleratore e a sfruttare il momento favorevole anche se il Mesagne riesce a tenere botta nonostante siano proprio gli avversari a sfiorare nuovamente la marcatura (minuto 30) con Bocchino sul quale è strepitoso Carriero.

Leggi anche:  Jr.NBA FIP U13 Championship, domenica al PalaFlorio di Bari le finali di Conference

mesagne manduria 3

Il Mesagne trova il pari in avvio di secondo tempo con Niare (tiro forte e preciso dal limite) e pare poter mettere in difficoltà un Manduria che, però, trova al 20’ il nuovo vantaggio con Quarta (ex di turno).

La partita si accende ulteriormente, i locali provano a stringere d’assedio gli avversari che comunque reggono all’onda d’urto altrui, trovando in pieno recupero la terza marcatura con Salvemini.

Adeso il campionato osserverà un altro turno di riposo per consentire al Molfetta ed al Manduria di giocare la finale di ritorno di Coppa.

Si riprende domenica 11 febbraio quando il Mesagne andrà a giocare sul campo del Matino.

Risultati (18^ giornata): Riposa: Maglie-Matino 1-2; Arboris Belli-Otranto 3-3; Racale-Campi; 4-0 Mesagne-Manduria 1-3; San Pietro V.co-Massafra 2-5; Novoli-Ginosa 3-0. Riposa: Ugento.

Classifica: Ugento 40; Manduria 39 (-2); Massafra 35 (-1); Matino 32; Racale 31, Campi 27; Arboris Belli, Novoli e Ginosa 25; Maglie 19; Mesagne 16; Otranto e San Pietro 13 (-5);

Prossimo turno (11/02/2024): Campi-San Pietro V.co; Ginosa-Maglie; Manduria-Racale; Massafra-Ugento; Matino-Mesagne; Novoli-Arboris Belli. Riposa: Ugento.

PUBBLICITA'