Il Minibasket protagonista al Secondo Circolo didattico di Mesagne

Il progetto “Mens Sana a Scuola” è un intervento didattico che ha fortemente voluto la società mensanina e che ha come obiettivo la diffusione dello sport e della pallacanestro in particolare tra i bambini e le bambine mesagnesi

401085511 823235576472166 6059446860822549186 n

E’ cominciato questa mattina, lunedì 13 novembre, il progetto “Mens Sana a Scuola” presso il II Circolo didattico. L’istruttore minibasket Fabio Mellone e l’allenatrice Francesca Tortorella hanno iniziato a far conoscere lo sport della pallacanestro alle bambine e ai bambini dei plessi “Giovanni XXIII” e “Giovanni Falcone” nelle classi prime, seconde e terze.

Anche in quest’anno scolastico la società mensanina ha deciso di “andare a Scuola”, attraverso un intervento didattico che ha fortemente voluto e che ha come obiettivo la diffusione dello sport e della pallacanestro in particolare tra i bambini e le bambine mesagnesi.

“Un ringraziamento va innanzitutto alla dirigente Prof. Ornella Manco, a tutto il corpo Docente e ai genitori per la disponibilità”, ha ribadito Fabio Mellone.

“Ci fa piacere che si sia deciso di condividere l’idea di promuovere sempre di più lo sport nelle scuole e di aver creduto fin da subito sulla bontà di questo progetto che vuole avvicinare la pallacanestro e, più in generale, lo sport ai più piccoli”.

Fabio Mellone Mens Sana Mesagne 359260036 743542484441476 7918621142546087065 n

L’importanza del movimento, del gioco e del gioco-sport nel processo di crescita dei bambini è fondamentale, perché sono entrambi comportamenti naturali sin dall’infanzia. Il ruolo del gioco dovrebbe avere un maggior peso nei primi anni di vita e di scuola, perché il movimento, attraverso il gioco, condiziona sia i futuri apprendimenti, sia l’acquisizione delle capacità e delle abilità motorie, che rappresentano il presupposto per una corretta interazione individuo-ambiente.

Un corretto percorso di educazione al movimento favorisce pertanto un idoneo sviluppo fisico, garantendo l’integrità e la corretta funzionalità dei diversi organi e apparati e assicura una migliore e completa strutturazione dell’immagine di sé. Nella Scuola Primaria il gioco è il contenitore principale dei processi di apprendimento e attraverso l’attività ludica il bambino sperimenta e concepisce gli aspetti della vita reale, inoltre costituisce un itinerario privilegiato da seguire e un punto di riferimento fisso nella programmazione didattico-educativa.

Leggi anche:  Ennesima sconfitta per l'Omega Mesagne

E così il minibasket diventa la proposta di gioco educativo che la Federazione Italiana Pallacanestro rivolge ai bambini dai 5 agli 11 anni.

Il minibasket non deve essere inteso come la pallacanestro in miniatura o l’anticamera della pallacanestro, bensì come un’attività ludico-motoria multilaterale, propedeutica anche per altri giochi-sport. Il minibasket e l’avviamento allo sport non sono altro che il risultato finale di un processo didattico e metodologico, che ha come base l’Educazione Fisica, il gioco e il gioco-sport, nel quale il bambino viene posto al centro di ogni proposta, azione, riferimento e riflessione.

Di fatto il progetto “Mens Sana a Scuola” si pone come obiettivo quello di proporre e condividere l’idea di minibasket come gioco‐sport adeguato ai singoli e personali ritmi di sviluppo, crescita e apprendimento dei bambini, che non può prescindere da principi pedagogici, educativi e metodologico‐didattici che ne devono definire le linee guida di riferimento. Ecco quindi che il minibasket permette un incontro agile, graduale ed immediato con la palla, con le regole, con i compagni, con gli avversari.

L’iniziativa, che vede impegnate 15 classi, è totalmente gratuito, senza oneri per le famiglie e l’istituzione scolastica. Alla fine delle lezioni sarà consegnato un attestato di partecipazione a tutti i bambini.

 

PUBBLICITA'