Alle ore 22.00 circa di ieri -lunedì 14 novembre- gli agenti della Polizia di Stato in servizio di Volante a Lecce nei pressi della zona di Porta Napoli, alle spalle dell’edificio dell’Università, hanno notato due ragazzi intenti a camminare in senso opposto alla marcia della volante, i quali si sono mostrati particolarmente sorpresi dall’improvviso sopraggiungere della stessa volante.

Forse per cercare di eludere il controllo, i due individui hanno accelerato l’andatura per poi dividersi, ma è stato un modo di fare che ha insospettito (non poco) i poliziotti che hanno provveduto a fermare i due, richiedendo l’esibizione dei documenti permettendone così l’identificazione: entrambi 28enni della provincia di Brindisi, uno è risultato avere a suo carico diversi precedenti di Polizia, l’altro invece incensurato.

Entrambi si sono mostrati subito nervosi ed insofferenti al controllo, cercando nel contempo di sottrarsi alle richieste di spiegazioni formulate dagli agenti circa la loro presenza sul territorio leccese.

Sono stati, quindi, sottoposti a perquisizione personale che ha portato al rinvenimento e al sequestro di un decodificatore per la diagnostica delle centraline dei veicoli, di due cellulari, su uno dei quali era stata scaricata un’applicazione riguardante il controllo delle targhe, una chiave inglese e un grimaldello, che solitamente vengono utilizzati in coppia per forzare i nottolini di accensione e le serrature delle macchine.

I due uomini non sono riusciti a dare nessuna spiegazione in merito al materiale in loro possesso e perciò sono stati denunciati a piede libero.

E’ stato, inoltre, appurato che i due fermati non sono residenti né nel Comune di Lecce, né tantomeno svolgono alcuna attività lavorativa, ccosì come non hanno presentato altro valido motivo che giustificasse la loro presenza su questo territorio.

Considerati, quindi, pericolosi per la sicurezza pubblica, al fine di prevenire la commissione di reati contro il patrimonio e di reati predatori in genere, commessi spesso anche da persone provenienti da altri centri, ai due brindisini, dopo poco più di un’ora da quando sono stati fermati dalla Volante, è stata notificato il provvedimento questorile del foglio di via obbligatorio che ne ha disposto l’immediato allontanamento da tutto il territorio del Comune di Lecce ed il divieto di ritornarci per 3 anni all’uomo già gravato da precedenti di polizia e di 2 anni all’ incensurato.

PUBBLICITA'