“In principio era la Bestia”: il nuovo romanzo di Omar Di Monopoli

Ambientato tra fine Settecento e inizio Ottocento a Languore vicino Taranto, "In principio era la Bestia" di Omar Di Monopoli racconta l’indagine condotta da un capitano borbonico, insieme a uno scienziato e a un soldato su una misteriosa Bestia che attacca uomini e animali

Associazione di VITTORIO 2 DSC 4033 860x500

Domani, venerdì 17 novembre, alle ore 17,30 presso il Salone della “Di Vittorio” in via Castello, 20 a Mesagne lo scrittore Omar Di Monopoli presenterà il suo nuovo romanzo “In principio era la Bestia” (edizioni Feltrinelli).

Dialogherà con l’autore Maria Rosaria Coppola. Introduce e coordina Giovanni Galeone, Presidente dell’Associazione DI Vittorio.

Pubblicato lo scorso mese di Aprile,il nuovo romanzo storico di Omar Di Monopoli ha finora riscosso un notevole successo di vendite e di critica.

Avvistamenti della creatura colorarono i racconti d’ogni bettola e misteriosi attacchi a greggi e stabbi e pollai furono per mesi all’ordine del giorno. L’estate successiva, stroncata nel sangue la ribellione dei repubblichini e restaurato il potere retrivo col ritorno sul trono del monarca borbonico, la Bestia tornò a colpire. Il modo migliore per rendere giustizia alla lingua italiana? Dare spazio ai suoi dialetti. E Omar Di Monopoli porta avanti – ancora una volta con magistrale compiutezza – questa missione, creando un mix di linguaggi e atmosfere tipiche del sud Italia nel suo ultimo romanzo che potremmo definire niente di meno che un giallo storico: In principio era la Bestia” –Lisa Cardello per Maremosso.

Omar Di Monopoli scrive il suo romanzo più potente: un viaggio affascinante e oscuro al termine dell’Illuminismo, fra superstizione, sentimento del sacro, esoterismo e razionalità. In un Sud indomito e mannaro. Ispirato a una storia vera.

LA TRAMA DEL ROMANZO

Gennaio 1799, Languore vicino Taranto. Mentre ribollono i moti giacobini, viene ritrovato il corpo senza testa della vecchia Narda Stumicusa, mammana e fattucchiera. Al delitto fanno seguito misteriosi avvistamenti di una creatura demoniaca – ululati raggelanti nel cuore della notte, feroci aggressioni ad animali – e, un anno più tardi, un’altra morte violenta: la carcassa mutilata di un viandante viene scoperta nel fitto della vegetazione. Con il secondo omicidio nella comunità corrono le voci sull’esistenza di una pericolosa fiera e gli abitanti iniziano a barricarsi in casa, finché da Napoli una pattuglia di dragoni del re – accompagnati dal naturalista James Fenimonte – viene inviata in Terra d’Otranto per indagare.

Omar Di MOnopoli

Nel popolo c’è chi afferma di aver veduto la Bestia, una sorta di grosso lupo, qualcun altro invece dice che i fatti di sangue sono da ascrivere al brigante Malesano. In una Puglia ancora stordita dai fumi della Repubblica Napoletana, divisa fra sostenitori giacobini e conservatori realisti, il gruppo inizia le ricerche e nei sotterranei della chiesa rintraccia ed esamina il corpo di Narda, semi mummificato sotto uno strato di calce. Quindi, conversa con i due fratelli che hanno scoperto il secondo cadavere, le cui spoglie sono state immediatamente bruciate sul posto. L’indagine si rivela molto presto la scoperta di un mondo di profonde diseguaglianze in cui violenza, superstizione, sentimento del sacro ed esoterismo convivono con razionalità e rigore. Attraverso gli occhi dei soldati forestieri giunti dalla capitale, Omar Di Monopoli disvela la straordinarietà di un territorio irrisolto: un viaggio affascinante e oscuro al termine dell’Illuminismo, in un Sud indomito e mannaro. Avvistamenti della creatura colorarono i racconti d’ogni bettola e misteriosi attacchi a greggi e stabbi e pollai furono per mesi all’ordine del giorno. L’estate successiva, stroncata nel sangue la ribellione dei repubblichini e restaurato il potere retrivo col ritorno sul trono del monarca borbonico, la Bestia tornò a colpire.

OMAR DI MONOPOLI

Nato nel 1971 a Bologna da famiglia pugliese, Omar Di Monopoli ha esordito nel 2007 con il romanzo Uomini e cani (premio Kihlgren 2008, recentemente rieditato per i tipi di Adelphi), cui ha fatto seguito Ferro e fuoco (2008), La legge di Fonzi (2010) e la raccolta di racconti Aspettati l’inferno (2014) – tutti pubblicati da Isbn edizioni.

Nel 2017 ha pubblicato per Adelphi il noir Nella perfida terra di Dio, tradotto all’estero, trasposto in fumetto per Sergio Bonelli editore. Insegna scrittura creativa per la Scuola Holden.

Scrive per la radio e per il cinema, e collabora con La Stampa, Il Fatto Quotidiano e Rolling Stone Italia.

 

 

 

PUBBLICITA'