La “Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia” celebrata dai bambini e le bambine delle Scuole dell’Infanzia del Secondo Circolo “Giovanni XXIII”

Attraverso il progetto “Settimana Diritta”, sono stati toccati argomenti molto profondi, partendo dalla spiegazione di cosa sia un diritto

Giornata internazionale dell'infanzia PHOTO 2023 11 21 15 28 38

In un’epoca come quella attuale – dilaniata dai conflitti e segnata dalla crisi climatica e altri fenomeni, come l’aumento della povertà e delle disuguaglianze – è sempre più urgente focalizzare l’attenzione sui diritti dei più piccoli, spesso negati o non pienamente garantiti. Ce lo ricorda la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che ricorre il 20 novembre di in ogni anno e con la quale l’Unicef celebra il World Children’s Day, una giornata di azione globale, fatta dai bambini per i bambini, per diffondere consapevolezza sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Era infatti il 20 novembre del 1989 quando venne approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato al mondo, con 196 Stati Parte. Nonostante le buone intenzioni, i diretti dei bambini non sono mai stati così a rischio. Sempre secondo le Nazioni Unite, tra il 2005 e il 2022, almeno 120.000 bambini sono stati uccisi o mutilati dalle guerre nel mondo, una media di quasi 20 al giorno.

A Mesagne le Scuole dell’Infanzia del Secondo Circolo “Giovanni XXIII”, hanno partecipato alla ricorrenza della “Giornata dei diritti di bambine e bambini”, dopo aver dedicato un’intera settimana al tema dei diritti dei più piccoli.

Settimana Diritta” ha visto al centro i pensieri e i sentimenti dei bambini. In altre parole è stata una settimana fatta dai bambini per i bambini, un momento per ribadire l’importanza di essere adulti responsabili, di dialogare con i nostri bambini, di vigilare sul loro benessere ognuno secondo il proprio ruolo, di educatori, genitori, amministratori e politici.

La scuola dell’infanzia è stata in prima linea; i bambini, soprattutto quelli più grandi, sono stati molto coinvolti. Con loro sono stati toccati argomenti molto profondi: partendo dalla spiegazione di cosa sia un diritto, i bambini ne hanno elencati alcuni: il diritto ad avere una famiglia, a essere curati se stanno male, a giocare, ad essere diversi.

La conclusione di questo percorso è stata meravigliosa: i bambini hanno capito che sono tutti diversi (per altezza, colore dei capelli, ambizioni, inclinazioni …), ma che sono tutti uguali perché bambini. Una riflessione profonda che arriva da animi puri come sono i piccoli a 3, 4 e 5 anni.

Leggi anche:  Camera di Commercio - Contessa (Build): "L’accorpamaneto è un notevole danno per Brindisi

Giornata dell'infanzia 4 PHOTO 2023 11 21 15 28 37

“Ricordare questa giornata”, ha detto la Dirigente Ornella Manco, “ha proprio questo obiettivo: raccontare e spiegare ai bambini cosa sono i diritti, usando il loro linguaggio. A loro spetta il diritto a giocare, al cibo, ad avere una casa, alla salute, all’istruzione, all’uguaglianza e alla libertà, a sognare, ad avere intorno adulti sinceri e presenti ma anche il diritto a sbagliare e litigare, per poter sperimentare i propri limiti e per assaporare la pace e la libertà. E in questa giornata in cui noi più fortunati celebriamo i diritti, non possiamo dimenticare che molti bambini non possono esercitare i loro diritti a causa delle guerre. Oggi più che mai i diritti dei bambini sono a forte rischio a causa delle guerre: Palestina/Israele, Haiti, Siria, Sudan, Ucraina e Yemen”.

Di fatto i conflitti sono responsabili dell’80% di tutti i bisogni umanitari “e stanno interrompendo”, ha proseguito la Dirigente, “l’accesso ai beni di prima necessità, come il cibo e l’acqua, e condannano le persone alla povertà estrema”.

Anche in Italia però la situazione è a dir poco allarmante. La condizione è peggiorata. L’Italia non è un “paese per bambini”: da anni si dice che l’Italia non sia un Paese per i più piccoli.

Alla presenza delle istituzioni e delle famiglie insieme alla scuola per la cura comune dei diritti dei bambini (rappresentanti dell’ Unicef, parrocchie, carabinieri, polizia, amministrazione), il programma dell’iniziativa “Facciamo volare i diritti dei bambini” è stato particolarmente intenso ed emozionante per i bambini e le bambine delle scuole dell’infanzia del Secondo Circolo Didattico di Mesagne.

Giornata internazionale dell'infanzia 3 PHOTO 2023 11 21 15 28 37

Tra caccia al tesoro e flash mob, quella di stamattina è stata l’occasione per ricordare che purtroppo, ancora oggi, sono tanti i bambini a cui vengono negati i propri diritti, nonché un momento di riflessione per tutti su quanto ancora sia necessario fare per garantirli e tutelarli.

 

PUBBLICITA'