L’attività a tutela dell’ambiente nel corso 2023 sul territorio di Mesagne

Il comandante della Polizia Locale di Mesagne Antonio Cirací e il Comandante del Nucleo di Ispettori Ambientali Michelangelo Schiavone hanno tracciato i risultati ottenuti.

Michelangelo Schiavone e Antonio Ciracì PHOTO 2024 01 03 13 21 56

Il Comandante della Polizia Locale di Mesagne Antonio Cirací e il Comandante del Nucleo di Ispettori Ambientali Michelangelo Schiavone, hanno relazionato sulle proficue attività a tutela dell’ambiente svolte nel 2023.

Quelli appena trascorsi sono stati dodici mesi nei quali sono state numerose le sanzioni comminate a trasgressori.

“L’attenzione verso la tematica ambientale è stata alta nel 2023 e si procederà stessa sulla stessa anche nel nuovo anno, prevedendolo altrettanto intenso. Ci accerteremo che in tempi brevi, quelli previsti in seguito ad una segnalazione ufficiale, sia garantita salubrità e sicurezza ai cittadini e al territorio martoriato in modo criminale dalla mano degli incivili”, ha detto Michelangelo Schiavone.

L’organizzazione di protezione ambientale Wardapark si è messa sin da subito a disposizione di Mesagne, diventando ben presto per molti cittadini un punto di riferimento capace di raccogliere richieste e fornendo le dovute risposte. Non semplici monitoratori di deiezioni canine o di controllori di cestini di rifiuti in città, ma un vero impegno a 360° a tutela dell’ambiente.

Fra le attività che vede impegnati gli operatori di Wardapark c’è pure quella del monitoraggio del territorio nell’agro, a contrasto di taluni comportamenti incivili quali ad esempio l’abbandono dei rifiuti ed il fenomeno dei roghi tossici, situazioni che portano non pochi cittadini a fornire segnalazioni e a presentare esposti agli organi competenti.

Leggi anche:  Al Bano: "Vorrei partecipare da solista a San Remo"

Una presenza importante sul territorio, nonché costante nell’arco delle 24 ore così da garantire il dovuto supporto.

391700931 1100411794633075 8197698441089848491 n

Pur tra non poche difficoltà, il Nucleo degli Ispettori Ambientali lavora alacremente e senza alcuna sosta, operando al massimo delle sue possibilità.

Perché l’obiettivo resta sempre lo stesso: garantire e assicurare la salubrità dell’ambiente e del paese, quindi anche dei cittadini, contrastando in maniera decisa e fattiva qualsivoglia comportamento incivile.

Sempre in occasione del saluto per il nuovo anno, Antonio Ciracì e Michelangelo Schiavone hanno tracciato le nuove ed elaborate linee guida per il nuovo piano operativo di tutela ecologico ambientale.

 

PUBBLICITA'