L’esperienza del “farsi Dono” da parte del 2°Circolo Didattico di Mesagne

L’impegno da parte del personale della scuola e dei genitori, di donare e preparare il pranzo della solidarietà presso la Casa di Zaccheo.

2° circolo didattico mesagne PHOTO 2024 01 07 17 02 07

Anche quest’anno, il 2° Circolo Didattico di Mesagne, accogliendo la tematica del “DONO” proposta dall’Amministrazione comunale,  ha progettato tutta una serie di percorsi educativi e didattici nell’ottica della solidarietà, promuovendo azioni mirate per donare e per rispondere ai bisogni sociali del territorio: la colletta alimentare, che ha previsto la raccolta di beni di prima necessità a favore della Casa di Zaccheo e della Caritas della parrocchia  Sant’Antonio da Padova, l’impegno da parte del personale della scuola e dei genitori, di donare e preparare il pranzo della solidarietà presso la Casa di Zaccheo.

Nella giornata odierna -7 gennaio 2024- sono stati i genitori del 2° Circolo di Mesagne che, nella prospettiva di costruire una rete solidale tra scuola, famiglia e territorio, hanno risposto positivamente e con grande entusiasmo all’invito della Dirigente Scolastica, prof.ssa Ornella Manco, di vivere l’esperienza del “farsi DONO” presso la Casa di Zaccheo di Mesagne, struttura ormai nota e importante del nostro territorio che risponde giornalmente alla necessità di andare incontro a chi ha bisogno.

“Io porto sempre con me le parole del caro Don Tonino, che diceva: “Amare è voce del verbo morire, significa decentrarsi, uscire da sé, dare senza chiedere, essere discreti al limite del silenzio”. Mi serviva un’esperienza così!”, è stata la significativa riflessione di un genitore che ha partecipato a questa giornata dedicata alla solidarietà

Leggi anche:  Il presidente della federazione italiana hockey su prato a Torre Santa Susanna

Tra sette giorni – domenica 14 gennaio 2024– sarà invece il turno del personale docente e non docente del 2° Circolo “Giovanni XXIII” che si ritroverà presso la Casa Di Zaccheo.

L’augurio di tutta la comunità scolastica è che questi semi di generosità possano germogliare nei più piccoli e dimostrare che aiutare chi è in difficoltà è possibile, anche attraverso piccoli gesti. Ognuno di noi è infatti un dono per il mondo e per gli altri. L’aspetto più importante del donare è dare, assieme a ogni dono, proprio se stessi. Magari gesti momentanei di generosità da parte nostra, ma che possono essere di grande importanza per la vita degli altri.

Due giornate che vogliono quindi essere un’opportunità di riflessione sul valore della solidarietà, con lo scopo di celebrarne e sottolinearne il grande valore di coesione, sia sotto il profilo umano che sociale.

PUBBLICITA'