Ora solare 2023, quando spostare le lancette: si dormirà un’ora in più

Questa notte ci sarà l'atteso cambiamento: ecco quando le lancette torneranno un'ora indietro

Orasolare 66618379

Dopo sette mesi di ora legale, questa notte (tra il 28 e il 29 ottobre) si torna all’ora solare: tra le ore 3 e le 2, le lancette torneranno infatti un’ora indietro.

Cosa significa per tutti noi? L’opportunità di dormire un’ora in più. Con questo cambiamento è vero che avremo un’ora in più di luce la mattina ma le giornate diventeranno più brevi con il buio che calerà un’ora prima. Per tornare all’ora legale dovremo aspettare la prossima primavera quando la notte fra il 30 e il 31 marzo 2024 dovremo riportare avanti di un’ora i nostri orologi.

Molti dispositivi digitali connessi a Internet effettueranno questa modifica in automatico, semplificando il processo per molti di noi.

Ma il passaggio dall’ora legale a quello solare non comporta solamente un cambiamento di abitudini e di orari, impatta (non poco) anche sui risparmi energetici.

Secondo i dati di Terna, nei mesi in cui vige l’ora legale il sistema elettrico italiano ha beneficiato di minori consumi di energia per 370 milioni di kWh, pari al valore di fabbisogno medio annuo di circa 140 mila famiglie.

Questo dato spiega quindi si abbia un risparmio economico di circa 90 milioni di euro.

Leggi anche:  Inaugurati i nuovi autobus a basse emissioni inquinanti dei Comuni di Fasano e Trani finanziati dalla Regione Puglia con "Smart go city"

I benefici dell’ora legale riguardano poi anche l’ambiente, visto che il minor consumo elettrico evita emissioni di CO2 in atmosfera per circa 180 mila tonnellate.

PUBBLICITA'