Sbarcheranno nel porto di Brindisi i 118 naufraghi soccorsi dalla nave Life Support di Emergency

L’arrivo dopo due giorni di navigazione in condizioni meteo molto critiche

Schermata 2023 11 10 alle 15.17.53

Domani -sabato 11 novembre- la nave Life Support di Emergency approderà a Brindisi dove sbarcheranno i 118 naufraghi soccorsi nelle acque internazionali del Mediterraneo Centrale in due distinte operazioni di salvataggio.

L’arrivo in porto è previsto per le ore 8,00, dopo due giorni di navigazione in condizioni meteo avverse. La Life Support sarà ormeggiata alla banchina Catini.

Entrambe le imbarcazioni soccorse erano partite da Bengasi, in Libia, ed erano in mare da 48 e 72 ore rispettivamente prima di venire soccorse dalla Life Support. Le imbarcazioni erano fragili e sovraccariche, non adatte ad affrontare la traversata del Mediterraneo, soprattutto nelle condizioni meteo incontrate negli scorsi giorni.

“Fin da quando siamo partiti da Augusta, martedì sera, le condizioni meteo sono peggiorate ulteriormente”, ha detto Raffaele Servadio, comandante della Life Support.

“Durante le operazioni di soccorso, tra la notte di mercoledì e giovedì mattina, le condizioni del mare sono peggiorate ancora di più con circa 3 metri d’onda. Lo staff è stato eccezionale. Nonostante le difficoltà è riuscito a soccorrere 118 persone in due operazioni differenti di cui una notturna. Nel secondo salvataggio in particolare, le condizioni del mare e dell’imbarcazione soccorsa, fragile e sovraccarica, hanno reso le operazioni di soccorso molto complesse e delicate. Ora ci stiamo dirigendo verso Brindisi, il POS assegnato dal Maritime Rescue Coordination Centre (MRCC) italiano, con un metro e mezzo di onda da Sud”.

Leggi anche:  Concluse nel porto di Brindisi le operazioni di sbarco delle 118 persone soccorse nel Mediterraneo Centrale della nave Life Support di Emergency

Tra i 118 naufraghi soccorsi ci sono 4 minori non accompagnati, tra cui una ragazza. I naufraghi provengono da Eritrea, Etiopia, Sudan, Bangladesh, Pakistan, Siria, Egitto e Palestina. Tutti, nessuno escluso, sono paesi che presentano condizioni di crisi, tra cui guerre, disastri ambientali e climatici, e forti instabilità politiche.

https://fb.watch/odZ0sRmm8l/

 

 

 

 

PUBBLICITA'