Sequstrati in provincia di Brindisi panettoni e pandoro per tentata frode in commercio, olio Evo e alcool contraffatti

L'operazione è stata condotta dai Carabinieri Nas di Taranto a seguito di una serie di controlli effettuati in tutta la provincia di Brindisi.

Schermata 2023 12 19 alle 14.31.02

Altra opererazione da parte dei Carabinieri del Nas di Taranto, che nel territorio della provincia di Brindisi, hanno intensificato le attività ispettive finalizzate alla corretta produzione, commercializzazione e vendita al consumatore finale di alimenti al fine della tutela della salute pubblica, con particolare riguardo a quelli tipici natalizi.

Le attività ispettive eseguite nell’ultimo periodo, rappresentano un’intensificazione delle verifiche già svolte da parte dei Nas durante l’anno, dedicate all’individuazione e repressione di reati in danno dei consumatori.

Le ispezioni hanno consentito pertanto d’individuare nella provincia di Brindisi un laboratorio di produzione di prodotti di pasticceria da forno sono stati sequestrati tutti i panettoni e pandoro esposti alla vendita in quanto nel corso della verifica veniva scoperto che gli stessi erano venduti quali panettoni e pandoro artigianali prodotti in loco nonostante fossero di tipo industriale. L’immediata disamina delle etichette apposte sulle confezioni regalo permetteva di scoprire che le stesse erano state artificiosamente modificate al fine di trarre in inganno il consumatore.

Inoltre, sempre nella provincia di Brindisi, presso una rivendita di generi alimentari sono stati sequestrate numerose lattine di olio Extravergine di oliva e di alcol contraffatte riportanti indicazioni mendaci in etichetta. Nello specifico le lattine di olio, all’esito delle analisi di laboratorio, risultavano contenere olio di semi sofisticato con l’aggiunta di coloranti. Tra l’altro le etichette riportavano l’indicazione di uno stabilimento di produzione della provincia di Bari risultato inesistente.

Leggi anche:  Accoltellata all'addome da un vicino di casa: grave una 17enne

L’alcool 96° rinvenuto in bottiglie con sigilli ed etichette contraffatti, abitualmente utilizzato nella preparazione di liquori casalinghi, è stato oggetto anche di allerta del Ministero della Salute poiché contenente verosimilmente sostanze tossiche per ingestione;

Infine, presso laboratorio di produzione di un panificio della provincia brindisina, sono state altresì rinvenute e sequestratte delle lattine contraffatte di olio Evo, che erano state acquistate dal titolare ignaro dell’effettivo contenuto delle stesse.

Nella medesima attività sono state rilevate carenze igienico-sanitarie per le quali il Dipartimento di Prevenzione della Asl/Br – Sian – ha adottotato un provvedimento di sospensione immediata dell’attività fino al ripristino delle condizioni minime di igiene.

I responsabili della commercializzazione dei prodotti contraffatti sono stati segnalati alla Autorità Giudiziaria.

Le verifiche, che hanno interessato anche i mercati settimanali, alcune delle quali condotte in sinergia con militari dei Comandi Stazione Carabinieri interessati, della Guardia di Finanza e personale tecnico – Sian – della Asl/Br, costituiscono elementi di interesse info-investigativo utili ai N.A.S. per approfondire ulteriori fenomeni illeciti a tutela della salute pubblica.

PUBBLICITA'